Vertice UE sugli aiuti per il CoronaVirus. Kurz e Rutte resistono.

Vertice UE sugli aiuti per il CoronaVirus. Kurz e Rutte resistono.

Il primo giorno del vertice UE a Bruxelles si è concluso senza accordo. L’Austria e i Paesi Bassi rimangono duri nella disputa per centinaia di miliardi di aiuti per il Corona. Il cancelliere Kurz avverte di un’unione debitoria.

Il primo giorno del vertice UE sul Fondo per gli aiuti Corona e il bilancio europeo è giunto al termine. L’incontro sul pacchetto finanziario di circa 1,8 trilioni di euro è continuato questa mattina alle 11:00, ha detto un portavoce dell’UE venerdì sera dopo quasi 14 ore di negoziati. Secondo i diplomatici, i Paesi Bassi e l’Austria continuano a resistere ai piani di spendere la maggior parte dei 750 miliardi di euro in aiuti Corona come sovvenzioni non rimborsabili.

“Siamo in una fase difficile dei negoziati”, ha detto un diplomatico. Il primo ministro olandese Mark Rutte in particolare ha “un atteggiamento molto duro e meno costruttivo”. La cancelliera Angela Merkel (CDU) non ha escluso il fallimento all’inizio della riunione di due giorni, date le posizioni ampiamente diverse. “Le differenze sono molto, molto grandi”, aveva spiegato.

Vertice UE sugli aiuti per il CoronaVirus.

Si difende brevemente contro “unione del debito”. Anche il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si è opposto ai piani della sera per concedere aiuti a Corona per 500 miliardi di euro. Non dovrebbe “portare a un’unione del debito a lungo termine”, ha scritto su Twitter . “Certo, vogliamo dimostrare solidarietà, ma abbiamo in mente anche gli interessi dei contribuenti austriaci”.




L’importo totale dell’aiuto Corona di 750 miliardi di euro deve essere assunto come debito congiunto degli Stati membri dalla Commissione europea sui mercati finanziari. I soldi andranno quindi ai paesi dell’UE colpiti in modo particolarmente duro dalla pandemia, specialmente nell’Europa meridionale. Solo 250 miliardi di euro devono essere concessi come prestiti che dovrebbero essere rimborsati dai beneficiari.

Rutte vuole anche legare i fondi Corona all’attuazione delle riforme. Nel corso della riunione, ha chiesto il pagamento di una decisione unanime dei paesi dell’UE per il pagamento, ha affermato il diplomatico. Paesi dell’Europa meridionale come l’Italia e la Spagna lo rifiutano categoricamente.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha quindi proposto un cosiddetto “freno di emergenza” come compromesso a cena, ha affermato un altro diplomatico. In base a ciò, per il momento il pagamento in seno al Consiglio degli Stati membri potrebbe essere sospeso su richiesta di un paese. Quindi i capi di stato e di governo dovrebbero decidere. “Questo non è davvero un freno di emergenza”, ha detto il diplomatico. “È un diritto di veto” perché i capi di Stato e di governo potevano prendere decisioni solo all’unanimità. È stato “un errore” per Michels offrire questo a uno Stato membro senza ricevere nulla in cambio.

Ma nessuno si aspettava davvero un accordo il primo giorno del vertice. “Per poter affermare in modo credibile a casa che hai combattuto come una tigre, a volte devi essere visibilmente solo contro il resto”, ha scritto l’esperto dell’UE Janis Emmanouilidis dell’istituto EPC di Bruxelles su Twitter . “L’abbiamo già visto.”

Un altro argomento problematico al vertice è il piano per tagliare i fondi dal bilancio dell’UE per violazioni dello stato di diritto in futuro. Il primo ministro ungherese Viktor Orban aveva già posto il veto alla riunione prima della riunione. A Bruxelles, anche il primo ministro Mateusz Morawiecki ha annunciato che non avrebbe sostenuto il taglio. Entrambi i paesi sono stati messi alla gogna nell’UE da anni a causa delle violazioni dei valori europei fondamentali.

Il Fondo per gli aiuti Corona negozierà anche il prossimo quadro finanziario settennale dell’UE per il periodo dal 2021 al 2027 al vertice. Michel aveva proposto un volume di 1.074,3 miliardi di euro da destinare a questo. È la prima volta che i 27 capi di stato e di governo si incontrano dall’inizio della pandemia in un vertice a Bruxelles. Tutti hanno indossato le mascherine almeno all’inizio, mentre molti s sono salutati toccandosi solo con il gomito.

Maurizio Palese (Fonte Faz.net)