Intervista al sindaco di Stoccarda Fritz Kuhn

Il sindaco Fritz Kuhn respinge le critiche alla politica sulla sicurezza della Città di Stoccarda e sottolinea una valutazione errata della situazione da parte della polizia, sulle cause della violenza e la posizione dei Verdi sulle origini della violenza.

Sindaco Kuhn, quali sarebbero le cause della peggiore rivolta che Stoccarda abbia mai vissuto?

È stato un grande shock per la città di Stoccarda. La procura sta indagando sui fatti accaduti e tentato omicidio. Questi sono gli atti di violenza più gravi che dovranno avere gravi conseguenze penali per i responsabili, per lo più giovani di sesso maschile. Sfortunatamente, l’aggressività contro agenti di polizia, paramedici e vigili del fuoco è in aumento da qualche tempo. Tutti i sindaci lo confermano. Tale tendenza, sembra essere il risultato di un misto di aggressività, forte consumo di alcol e gusto voyeuristico nel pubblicare video sugli atti di violenza sui social.

Intervista al sindaco di Stoccarda Fritz Kuhn

Il presidente della polizia Franz Lutz e voi avete elogiato la liberalità di Stoccarda poco dopo gli atti e avete cercato eventuali ragioni politiche in una conferenza stampa congiunta. Ora sappiamo che tra i sospettati c’erano criminali abituali, circa la metà non sono cittadini tedeschi e alcuni provengono da famiglie immigrate. Perché ha scelto questa bizzarra caratterizzazione?

Stoccarda è una città liberale che lotta per continuare ad esserlo e non farsi distruggere dai criminali. È sicuramente vero che tra i sospettati, molti provengono da famiglie immigrate, dovremo capire da vicino le storie di questi giovani, ma una cosa deve essere chiara: non importa da dove provenga qualcuno, tale comportamento è assolutamente inaccettabile a prescindere. È un attacco diretto allo stato di diritto e il controllo dello stato sulla violenza. Sfortunatamente, anche a Capodanno abbiamo assistito al lancio dei petardi sui paramedici. La novità questa volta è stata la distruzione delle vetrine e il saccheggio dei negozi. Ciò nonostante non c’è nessun motivo per rinunciare allo stile di vita liberale della città di Stoccarda.

Naturalmente ci approcciamo al problema apertamente, ma non vogliamo partecipare al gioco delle colpe unilaterali. Le affermazioni rilasciate dagli esponenti dell’AFD, secondo cui le colpe nascerebbero dalle politiche dei Verdi e dal multiculturalismo, rientrano evidentemente nella strumentalizzazione pietosa della notte della rivolta.




Cosa si sta facendo ora per aumentare la sicurezza in città?

Prima di tutto, ci sarà un potenziamento delle forze di polizia nelle prossime settimane per garantire maggiore sicurezza, inoltre ci stiamo interrogando anche su come agire direttamente sulle cause: Dobbiamo vietare l’alcol nei luoghi pubblici? La polizia può farcela? C’è solo un effetto migratorio? Devono esserci più barriere in città? Può essere d’aiuto la videosorveglianza? Ora approfondiremo rapidamente anche l’attuale partenariato per la sicurezza con il paese.

Il ministro degli Interni del Baden-Württemberg Thomas Strobl (CDU) ha criticato pubblicamente il fatto che non ci siano divieti di vendita di alcolici nei luoghi pubblici e nessuna videosorveglianza a Stoccarda, come quelli concordati per la città di Friburgo in una partnership di sicurezza con lo stato. Forse avreste dovuto agire prima?

Non mi risulta questa accusa, perché abbiamo una partnership di sicurezza con le forze di polizia da molto tempo. Il sindaco Martin Schairer del CDU è parte attiva in questa collaborazione e si è dimostrato, ad esempio, a Capodanno. Abbiamo discusso ripetutamente con la polizia cosa può essere migliorato a Eckensee nel giardino del castello. Finora, non vi è stata alcuna ragione per un partenariato di sicurezza tra città e regione. Nel febbraio di quest’anno, il capo della polizia ha scritto al capo del Ministero delle finanze che il giardino del palazzo superiore non poteva essere un hotspot della polizia. Ora abbiamo una nuova situazione di rischio a cui reagiremo.

Le attrici dell’Opera di Stato e del Teatro di Stato, nonché il decano della città Christian Hermes, la cui chiesa cattedrale di San Eberhard confina con i giardini del palazzo come il teatro e l’opera, sono stati preoccupati per la sicurezza pubblica in città per anni. Dopo il 2013, quando il gruppo di origini Sinti e Rom erano accampati nel giardino del castello, c’era già un gruppo di lavoro sull’abbandono e sui rifiuti del luogo. Perché è cambiato così poco?

Abbiamo lavorato a stretto contatto con le persone coinvolte per anni. Un gruppo di lavoro si occupa del giardino del palazzo dal 2019. Alcune cose sono state implementate, come il problema dei rifiuti, mentre il problema dell’illuminazione è in fase di elaborazione.

Il numero di manifestazioni e il consumo di alcolici sono aumentati in modo significativo negli ultimi cinque anni. Ed è molto probabile anche una connessione con la crisi dei rifugiati: non si può negarlo.

Ma è vero che le persone possono festeggiare nelle grandi città! Tutti devono solo comportarsi nel rispetto delle regole e non diventare violenti.

Esiste un programma speciale per i rifugiati criminali?

Se hai molti rifugiati in una grande città, ovviamente devi sempre chiederti se il concetto di integrazione è quello giusto, e su questo ci stiamo lavorando.  Secondo le statistiche sulla criminalità recentemente pubblicate dal Ministero degli Interni, la criminalità nel centro della città è aumentata del 60% dal 2010. Questo problema è noto da molto tempo anche a Stoccarda.

Ne parleremo anche con il Paese, affinché un weekend così terribile non si ripeta. Non dobbiamo tralasciare alcuna domanda, dobbiamo perseguire la politica senza ideologia, tutti i giovani, che provengano dalla Siria o da Backnang, devono interiorizzare che lo stato ha il controllo sulla violenza.

Quando furono fondati i Verdi, c’erano anche i critici del controllo statale sulla violenza. È perché il tuo partito è più distante dalla polizia rispetto ad altre parti?

Sono un membro fondatore dei verdi e non ho mai dubitato della necessità del controllo dello stato sulla violenza. Ci siamo solo chiesti se sia stato usato correttamente. Difficilmente esiste un paese al mondo in cui la magistratura, la polizia e la stampa indipendente funzionino meglio.

La presidenza federale SPD Saskia Esken ha recentemente parlato del razzismo latente tra le forze di sicurezza. Ha ragione lei?

Dopo sette anni e mezzo come sindaco e discussioni molto regolari con la nostra polizia di stato, posso dire di non avere prove a riguardo. La dichiarazione della signora Esken è fuori dal tempo. Non conosco alcuna dichiarazione di un sospetto della notte antisommossa che ha giustificato le sue azioni indicando il razzismo della polizia.

La crisi economica incombente, la pandemia e la notte delle rivolte non sono esattamente considerate questioni verdi. La tua possibile successore Veronika Kienzle è stata descritta nei commenti e dai tuoi amici di partito come la “terza scelta”. Può la signora Kienzle, e con essa i Verdi, vincere le elezioni di sindaco a Stoccarda qualche mese prima delle elezioni statali?

Ovviamente. Il risultato delle elezioni è completamente aperto e i Verdi hanno un buon candidato. La decisione viene presa dagli elettori. Come funzionario pubblico, sono impegnato ad essere neutrale.

Maurizio Palese (Fonte Faz.net)