Rinnovare un appartamento in affitto in Germania

Rinnovare un appartamento in affitto in Germania

Idee per la casa a cura di Anna

Nessun posto è bello come casa mia – Dorothy Gale_Il mago di Oz”.

Spesso l’appartamento affittato non corrisponde alle aspettative ideali dell’affittuario e molti inquilini sono pronti a rinnovarlo. Ma rinnovare un appartamento in affitto in Germania, non è così semplice. A seconda che si tratti di piccoli miglioramenti, grandi cambiamenti o anche interventi sul tessuto edilizio, gli inquilini devono osservare determinate regole. Ci poniamo quindi oggi altri quesiti sulla ristrutturazione di un appartamento in affitto in Germania:

  1. Posso rinnovare l’appartamento in cui vivo per renderlo più rispondente ai miei gusti?
  2. Ho diritto ad adeguare la mia casa se sono portatore di handicap?
  3. Piccolo approfondimento sul rumore durante i lavori di ristrutturazione

È importante dire da subito che se gli inquilini vogliono intraprendere una ristrutturazione importante per adattare l’appartamento alle loro esigenze individuali (per esempio installazione di servizi igienici o pareti divisorie), hanno bisogno del consenso del loro proprietario.

I lavori che possono essere facilmente annullati in caso di trasloco (per esempio tappezzare, dipingere e praticare fori) e che non rappresentano alcun cambiamento strutturale, possono essere eseguiti senza il consenso del proprietario.

Durante il periodo di locazione, l’inquilino ha mano libera per quanto riguarda la scelta dei colori; tuttavia, può essere obbligato a restituire l’appartamento alla fine del periodo di locazione in uno schema di colori neutro, anche se le condizioni sono ancora buone. 

Se ad essere ridipinte sono le piastrelle del bagno, invece, è necessaria l’approvazione del proprietario, in quanto la vernice non può essere rimossa di nuovo. Se non c’è il permesso, il proprietario può richiedere che il vecchio stato del bagno venga ripristinato al momento del trasloco o chiedere un risarcimento.

Senza il consenso del locatore è anche possibile allestire una cucina componibile qualora non fosse precedentemente disponibile. Anche i fori possono essere praticati senza prima chiedere il permesso. Tuttavia, quando si trasferisce, il proprietario può richiedere che i fori siano chiusi correttamente.

È anche consentito sganciare porte, collegare prese aggiuntive o posare moquette, a condizione che tutto sia invertito quando si esce. Ma attenzione: se quando si entra in un appartamento, un tappeto o un pavimento è già stato posato, l’inquilino non deve semplicemente strapparlo perché non gli piace il suo aspetto. Ha bisogno del permesso (preferibilmente scritto) del proprietario. Per inciso, i costi sono a carico dell’inquilino in tutti i casi.

Insomma, la semplice riqualificazione a propria discrezione, non è mai una buona idea.

Tutti i lavori che hanno carattere di ristrutturazione e interessano il tessuto edilizio dell’appartamento, necessitano dell’autorizzazione del proprietario.

Questi sono, tra gli altri:

  • Sostituzione di piastrelle in cucina e in bagno;
  • Installazione di impianti sanitari;
  • Installazione di un riscaldamento a pavimento;
  • Installazione di pareti divisorie (indipendentemente dal fatto che siano solide o leggere);
  • Creazione aperture per porte o muri passaggi;
  • Controsoffittature:
  • Sostituzione di infissi;
  • Installazione di una parabola satellitare perforando la facciata

Se, ad esempio, un inquilino ripiastrella il bagno o installa un impianto di riscaldamento senza il consenso del proprietario, egli può richiedere il ripristino delle condizioni originarie o la risoluzione del contratto.

Offri un caffè

Se trovi utili questi contenuti,

supporta Vivistoccarda

offrendo un caffè con Ko-Fi!!!

Offri un caffè

Ristrutturare in Germania

Se il proprietario accetta i cambiamenti, dovrebbero essere presi accordi precisi per entrambe le parti.  Per rinnovare un appartamento in affitto in Germania, le associazioni degli inquilini raccomandano sempre un accordo scritto, in particolare sulla portata dei lavori e sull’assunzione dei costi. Di norma, l’inquilino che rinnova investe molto e aumenta il valore dell’appartamento: può quindi avere senso concordare per iscritto se e come il proprietario contribuirà ai costi, ad esempio mediante un affitto ridotto. 

Inoltre il padrone di casa può esigere che i lavori siano eseguiti professionalmente. È pertanto fondamentale prendere chiari accordi sulla ristrutturazione e la divisione dei costi.

Tendenzialmente, un proprietario non può vietare arbitrariamente i lavori di ristrutturazione se
serve un ammodernamento o se rendono l’appartamento molto più fruibile per l’inquilino. 

È il caso degli inquilini più anziani quando hanno bisogno di una doccia facilmente accessibile o una vasca da bagno con maniglie. Chiunque abbia bisogno di cure e abbia ottenuto un livello di assistenza può richiedere sovvenzioni per ristrutturare la propria casa tramite il fondo di assistenza. Ma le loro modifiche devono comunque essere approvate dal proprietario. Egli può anche tollerare la ristrutturazione solo per il periodo di locazione e può richiedere il ripristino delle vecchie condizioni al momento del trasloco.

Il proprietario può negare il consenso se i lavori mettono a rischio la struttura dell’edificio. 

Se un inquilino inizia a propria discrezione, dovrebbe chiedersi, tra le altre cose, se la sua assicurazione di responsabilità civile copre eventuali danni all’edificio. Ad esempio, durante la ristrutturazione di un bagno, possono verificarsi danni causati dall’acqua. Il proprietario può anche richiedere che l’inquilino fornisca una sicurezza in modo che possa finanziare lo smantellamento quando l’inquilino si trasferisce di nuovo.

Caso speciale riguarda gli inquilini portatori di handicap.

Essi hanno diritto a determinate modifiche ma è necessario ottenere il consenso del proprietario.
Soprattutto per gli utenti su sedia a rotelle sono possibili alcune modifiche: una rampa nel vano scale, interruttori della luce e cassette postali a portata di mano, rimozione di soglie, docce a livello, lavabi accessibili con sedia a rotelle o porte più larghe.

Il “Commissario del governo federale per le questioni dei disabili” suggerisce i seguenti cinque passaggi:

  1. Ottenere il consenso del locatore per la ristrutturazione;
  2. Ottenere informazioni su pianificazione e finanziamento;
  3. Chiarire se è necessario un permesso di costruzione;
  4. Ottenere almeno due stime;
  5. Presentare una domanda di sovvenzione alle agenzie di finanziamento competenti

Per concludere una breve annotazione sui rumori durante i lavori di ristrutturazione.

Il rumore che si crea durante i lavori di ristrutturazione, fa spesso sorgere discussioni tra vicini.

In molti casi, tuttavia, non vi è alcuna legittimazione legale per questo. In linea di principio, disturbi come rumore, sporco e polvere devono essere tollerati dai vicini durante la ristrutturazione. La frequenza deve rientrare in un intervallo normale. 

Manutenzione in Germania

Tuttavia, è necessario osservare alcuni periodi di riposo. Il lavoro che provoca rumore, tra cui l’utilizzo di trapano o martello, è vietato la domenica e nei giorni festivi. 

Tuttavia, il periodo di riposo non si applica se stai facendo i lavori di ristrutturazione a causa di un trasloco.

I lavori di ristrutturazione possono essere eseguiti il ​​sabato.

I tempi di riposo comuni possono essere stabiliti individualmente dagli stati federali, dalle città e dai comuni e devono essere osservati il ​​riposo mattutino, il riposo di mezzogiorno, il riposo serale e il riposo notturno.

È buona norma attenersi alle regole previste ma anche preservare i rapporti col vicinato avvisando, magari con un cartello nella bacheca condominiale, dei lavori in corso e specificando i tempi di questi ultimi.

Ciao da Anna.

Se vuoi contattarmi, chiedermi o darmi dei consigli o suggerimenti puoi contattarmi sulla pagina Facebook o sul mio profilo Instagram