La Sindrome Metabolica

La Sindrome Metabolica

I consigli del Nutrizionista

La sindrome metabolica

La sindrome metabolica è un insieme di fattori di rischio correlati, di origine metabolica, associato a malattia cardiovascolare aterosclerotica.
L’aterosclerosi è una malattia vascolare cronica che causa tipicamente malattie del sistema cardiovascolare come infarto cardiaco, ischemia cerebrale oppure disturbi vascolari periferici.
La sindrome metabolica è caratterizzata da:

  • Obesità addominale ovvero un accumulo di grasso viscerale;
  • Dislipidemia aterogena: trigliceridi, LDL (lipoproteine contenenti apolipoproteina B, detto “colesterolo cattivo” alte e HDL basse (lipoproteine ad alta densità, detto “colesterolo buono”);
  • Livelli di pressione arteriosa aumentati;
  • Alterazioni del metabolismo glucidico (insulino-resistenza, alterata glicemia a digiuno, diabete).

La Federazione Internazionale di Diabetologia (IDF) ha fissato i seguenti criteri per stabilire la presenza di sindrome metabolica. Obesità centrale più due fattori sopra elencati. Nello specifico:

  • Circonferenza vita superiore o uguale a 94 cm per gli uomini e 80 cm per le donne;
  • Alterata glicemia a digiuno, superiore a 100 mg/dl;
  • Valore dei Trigliceridi a digiuno superiore o uguale a 150 mg/dl;
  • Colesterolo HDL inferiore a 40 mg/dl nelle donne e 50 mg/dl negli uomini;
  • Pressione arteriosa superiore o uguale a 130/85 mm/Hg o terapia per ipertensione(pressione alta).

È fondamentale riconoscere la sindrome metabolica per identificare le persone a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, trattando precocemente le singoli componenti.
Purtroppo la sindrome metabolica è stata correlata anche ad altre patologie come problemi epatici, ovaio policistico, diabete di tipo 2, dislipidemie e ipertensione arteriosa.

La soluzione? Ancora una volta uno stile di vita sano e in particolare una dieta che più che conteggiare le calorie possa “curare” tali disturbi ormonali attraverso un approccio terapeutico e funzionale dell’alimentazione (in tedesco Ernährungstherapie).
Dimagrire è importante, ma ancora più importante è la strada corretta per raggiungere tale obiettivo. Le diete dimagranti sono molteplici così come le mode alimentari, ma non sempre dimagrire significa guarire se il cambio dell’alimentazione, dieta e stile di vita non sono in grado di intervenire in maniera funzionale al trattamento di un disturbi ormonali specifici.
La correzione dello stile di vita, con un’alimentazione corretta e attività fisica dovrebbe favorire un calo ponderale del 7-10% e una correzione dei valori alterati. (Correzione delle alterazioni metaboliche come insulino-resistenza, glicemia a digiuno, pressione arteriosa, ecc. ecc.).

Francesco Fabrizi – Biologo Nutrizionista – Specialista in diabete e nutrizione clinica.


Appuntamento per giovedì prossimo con “L’Olio di oliva:le virtù dell’oro liquido“.

Se vuoi contattarmi, chiedermi o darmi dei consigli o suggerimenti puoi contattarmi sulla mia pagina Facebook

Se ti interessa questo argomento, leggi l’articolo precedente “Vitamina D: solo una vitamina?