La Dieta FODMAP

La Dieta FODMAP

I consigli del Nutrizionista

LA DIETA FODMAP

Abbiamo sempre più consapevolezza dell’importanza dell’alimentazione soprattutto come fattore scatenante di molte problematiche tra cui quelle digestive. A volte in seguito a reazioni, dopo aver introdotto determinati alimenti si possono verificare sintomi intestinali a volte molto fastidiosi.
In questi casi la strategia alimentare migliore è testare se la sostituzione di alcuni alimenti ritenuti “responsabili” del disturbo possa essere risolutivo.
È il caso ad esempio della dieta FODMAP ovvero un regime alimentare basato sul contenuto molto basso o del tutto assente di specifici carboidrati fermentabili.

Il termine “FODMAP” sta proprio per oligo-,di-,mono- saccaridi fermentabili contenuti in molti alimenti che se introdotti in soggetti con la sindrome del colon irritabile possono peggiorare la sintomatologia.
Infatti i FODMAP sono noti per innescare sintomi digestivi come gonfiore e dolore addominale, crampi, meteorismo, stipsi o diarrea. Esempi sono il lattosio, fruttani e galatto-oligosccaridi, fruttosio, sorbitolo, mannitolo exilitolo ovvero i polioli.
I FODMAP si trovano in molti alimenti in quantità variabili ed alcuni ne contengono solo un tipo, mentre altri ne contengono diversi.

I principali gruppi contenenti FODMAP sono:

  • Oligosaccaridi: Frumento, segale, legumi e vari tipi di frutta e verdure, come aglio e cipolle;
  • Disaccaridi: Latte, yogurt e formaggio;
  • Monosaccaridi: Vari tipi di frutta dolcificanti come il miele;
  • Polioli: Alcuni tipi di frutta e verdure come more, così come alcuni dolcificanti a basso contenuto calorico come quelli delle gomme da masticare senza zucchero.

Molti studi hanno dimostrato come un regime alimentare povero in FODMAP possa aiutare i soggetti con disturbi intestinali nella gestione dei sintomi e in alcuni casi possa essere risolutiva migliorando la qualità della vita.
Sicuramente la dieta FODMAP va prescritta e valutata insieme alla collaborazione di un gastroenterologo che possa individuare le cause dei disturbi gastrointestinali e quindi suggerire tale approccio dietetico.

Francesco Fabrizi – Biologo Nutrizionista – Specialista in diabete e nutrizione clinica.

Appuntamento per giovedì prossimo con un nuovo articolo dal titolo “Che tipo sei? Il diabete e le sue forme“.

Se vuoi contattarmi, chiedermi o darmi dei consigli o suggerimenti puoi contattarmi sulla mia pagina Facebook

Se ti interessa questo argomento, leggi l’articolo precedente “L’olio di oliva le virtù dell’oro liquido